COOPERAZIONE DELEGATA

L’Unione Europea e i suoi Paesi membri, a livello aggregato, rappresentano la fonte principale di Aiuto Pubblico allo Sviluppo su scala globale (OCSE-DAC). Nel 2017 l’Unione Europea ha fatto propri gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 e li ha posti alla guida della propria azione di cooperazione attraverso il “Nuovo Consenso Europeo sullo Sviluppo” che rappresenta un quadro di riferimento strategico per le istituzioni comunitarie così come per i Paesi membri.

La Commissione Europea rappresenta un partner strategico per l’Agenzia che, fin dall’inizio della propria operatività nel gennaio 2016, ha offerto un contributo tecnico e gestionale all’implementazione di iniziative finanziate da strumenti europei e affidate al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Per consultare i programmi di cooperazione delegata dell'Agenzia in tutto il mondo, vi invitiamo a visitare l'apposita pagina Web sul sito centrale di AICS.

Nel 2017, viene istituito il primo Fondo Fiduciario dell’UE per la Pace in Colombia, di cui anche l’Italia è membro donante. Il Fondo, attraverso le proprie attività nell’ambito rurale, mirava a promuovere lo sviluppo economico, sociale ed ambientale sostenibile nel Paese allo scopo di eradicare la povertà e garantire una pace duratura.

Attualmente in Colombia è attivo un programma di cooperazione delegata di AICS, il programma DRET II (Desarrollo Rural con Enfoque Territorial), iniziativa che, nel segmento di Complementary Support, comprende una componente di assistenza tecnica per 3 milioni di euro (1.5 milioni di euro di contributo AICS) che consentirà sia di sostenere il rafforzamento delle capacità locali sia di facilitare il dialogo politico con i partner locali.

DRET II – ASSISTENZA TECNICA ALLE POLITICHE PUBBLICHE DEL COMPARTO AGRICOLO IN COLOMBIA PROGRAMMA

L'UE supporta lo sviluppo rurale sostenibile e inclusivo in Colombia da oltre 15 anni. L’iniziativa più recente di sostegno settoriale al budget avviata nel 2014, chiamata “Strategia per lo Sviluppo Rurale con Approccio Territoriale - DRET (Desarrollo Rural con Enfoque Territorial)”, potenzia la politica nazionale legata alla riforma rurale, in particolare per quanto riguarda i processi di distribuzione delle terre e l'imprenditorialità rurale. La strategia DRET impiegata è stata fondamentale, tra le altre cose, nel promuovere l'integrazione dell'approccio di genere in tutte le politiche nazionali a favore dell’agricoltura e nelle istituzioni nazionali, consolidatasi poi nella creazione presso il MADR (Ministero dell’Agricoltura) di una Direzione dedicata alle tematiche specifiche per le donne rurali.

Basato sull'esperienza dei precedenti programmi DRET e in linea con le priorità nazionali più recenti, la prima fase dell’intervento avviato nel 2014 propone, per il quadriennio 2020/2024, di continuare a consolidare i processi avviati con la strategia in questione alla luce della consolidazione degli accordi di pace sanciti a Cuba nel 2016. In particolare, l’obiettivo prefissato è quello di ridurre la povertà e promuovere una crescita sostenibile e inclusiva nelle zone rurali, emarginate e lacerate dal conflitto della Colombia attraverso un sostegno al bilancio per le politiche di sviluppo rurale e per l’attuazione delle riforme rurali.

La nuova fase della iniziativa vede ancora come partner governativi il Ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) e le Agenzie di Sviluppo Rurale e l’Agenzia Nazionale per la Terra con un budget
stimato per questa fase di 18 MM di Euro, di cui 15 milioni di euro in modalità Budget Support.
L'azione comprende anche una componente di assistenza tecnica per 3 MM di Euro che consentirà sia di sostenere il rafforzamento delle capacità locali sia di facilitare il dialogo politico con i partner nei
territori. L'assistenza tecnica sarà fornita nel quadro della piattaforma internazionale di supporto tecnico stabilita nell'accordo di pace, di cui l'UE è un membro designato assieme alla FAO, UNDP e l’ONG Via
Campesina. Attraverso la formula della Cooperazione delegata l’AICS gestirà i fondi UE in partnership con la FAO al fine realizzare la componente di gestione tecnica prevista dal Programma DRET.

RISULTATI RAGGIUNTI:

  • Aggiornamento delle Guide Ambientali: lavoro congiunto con i team del Ministero dell'Ambiente e del Ministero dell'Agricoltura, corporazioni produttive, esportatori, società autonome, associazioni e autorità ambientali, per l'aggiornamento della documentazione tecnica di sei settori: caffè, cacao, banana, avocado, passiflora e patata. Si concentra in particolare sull'economia circolare e sulla crescita verde che consentiranno agli agricoltori di soddisfare le nuove esigenze del mercato alimentare globale.
  • Analisi delle opportunità di mercato per le biomasse agroindustriali nei settori avicolo, suino e canna da zucchero.
  • Ad oggi, sono stati priorizzati 28 servizi di assistenza tecnica ai Ministeri dell'Agricoltura e dell'Ambiente, di cui 12 direzioni e 12 organizzazioni della società civile e sono stati contrattati più di 40 professionisti.

Dove: Colombia

Quando:

Obiettivo generale: Promuovere lo sviluppo rurale con approccio territoriale, incentivando l’agricoltura sostenibile e una gestione sostenibile delle risorse naturali, attraverso la coerenza tra le azioni a livello
settoriale (agricoltura e ambiente), nell’ambito della formulazione, attuazione e monitoraggio delle politiche pubbliche.

Obiettivo specifico: Rafforzare politiche pubbliche, in ambito agro-ambientale, in materia di:
regolamentazione sociale della proprietà, inclusione sociale e produttiva, donne rurali, assistenza agricola, associazionismo, commercializzazione agricola, finanziamenti e assicurazioni agricole, beni pubblici settoriali e non, nel quadro dell’Agenda Strategica Interministeriale appoggiata a livello tecnico.

Canale: Cooperazione delegata

Budget complessivo: 6 milioni di euro

OSS (Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile):

SDG1 SDG2 SDG5 SDG8 SDG10 SDG15

Partners

UE AICS FAO