Inaugurazione

Inaugurata a Bogotà la nuova sede AICS con competenza regionale sul Sud America

Il giorno venerdì 2 dicembre 2022 si è tenuta la cerimonia di inaugurazione della nuova sede AICS di Bogotà, con competenza sull’intera regione sudamericana.

La cerimonia d’inaugurazione è cominciata con lo scioglimento del nastro nei nuovi uffici della Sede alla presenza del Direttore Generale dell’AICS, Luca Maestripieri, e dell’Ambasciatrice Alicia Alejandra Alfaro Castillo, Direttrice Affari Politici del Ministero degli Affari Esteri colombiano. Dopodiché, la delegazione si è spostata nelle sale del Museo del Chicó, luogo di svolgimento dell’evento. Alla presenza di circa 80 invitati tra ONG italiane, Agenzie delle Nazioni Unite, Ministeri, Istituzioni territoriali e Accademia, gli invitati sono stati accolti dalle parole di apertura dell’Ambasciatore italiano in Colombia, Gherardo Amaduzzi, che ha lodato il lavoro svolto da AICS dal suo arrivo nel Paese: “In questi sei anni l’Italia ha tracciato e guidato con determinazione gli sforzi dei diversi governi colombiani per realizzare un Paese più stabile nel suo cammino verso la pace totale”.

Successivamente, Alvaro Calderón, Direttore di Cooperazione Internazionale presso il Ministero degli Affari Esteri colombiano, ha definito l’apertura della sede AICS di Bogotà “una buona notizia, perché conferma il rapporto di cooperazione che esiste tra Italia e Colombia”.
Il Direttore della sede regionale AICS di Bogotá, Mario Beccia, ringraziando per l’appoggio ricevuto in questi mesi, ha dichiarato che le direttive ricevute da Maestripieri, dopo la nomina di direttore della nuova sede, “sono state molto chiare sin dall’inizio: assicurare una cooperazione aperta, dinamica e moderna, che tenga la Colombia al centro”.
Infine, il Direttore Generale dell’AICS, Luca Maestripieri ha preso la parola per ribadire la forte presenza della cooperazione italiana in Colombia e nella regione sudamericana, in cui apporta rispettivamente contributi per 30 milioni di euro e 170 milioni di euro, tra canali bilaterali e multilaterali e crediti d’aiuto.

“Questa prospettiva regionale fa senza dubbio parte della vocazione e dell’identità di questa nuova sede Aics, che nasce con il duplice obiettivo di garantire continuità alle eccellenti esperienze che l’Italia ha avuto in altri Paesi, nonché di promuovere l’innovazione negli strumenti e nelle modalità di cooperazione che coinvolgano in particolar modo il settore privato, la finanza innovativa, le banche di sviluppo e altre organizzazioni internazionali”.

Inaugurazione

Inaugurazione

La missione del Direttore Generale, Luca Maestripieri, alla Sede AICS di Bogotá ha previsto inoltre una serie di incontri istituzionali. Nel colloquio avuto con il Direttore di Cooperazione Internazionale Alvaro Calderón si è ribadita la relazione di vicinanza tra Italia e Colombia, evidenziando come la Colombia continui ad offrire numerosi incentivi all’attività di cooperazione. Durante la riunione con Luis Alberto Villegas, Viceministro dell’Agricoltura, Maestripieri ha sottolineato l’impegno della cooperazione italiana nel settore agricolo, in particolar modo rispetto a tematiche quali la riconversione dei sistemi agricoli, l’innovazione tecnologica e la commercializzazione dei prodotti agricoli.
Nell’incontro con la Delegazione dell’Unione Europea, si è manifestata la sintonia di visioni esistente tra la Cooperazione italiana e l’Unione Europea concretata nel Programma di Assistenza tecnica alle politiche pubbliche del comparto agricolo in Colombia – DRET II. Si sono inoltre paventate possibilità di future collaborazioni, in particolare con NDC Forest e NDC Agrifood System e si è posto l’accento sull’importanza della cooperazione delegata come strumento di collaborazione replicabile anche in altri Paesi della regione.
Infine, il Direttore Generale Luca Maestripieri ha incontrato Mireille Girard, rappresentante di UNHCR Colombia, partner principale di AICS Bogotà nella gestione del tema migrazione nella regione sudamericana, con cui sono emerse prospettive e obiettivi comuni nella risposta alla crisi migratoria dal Venezuela.

Cancilleria

© Cancilleria

La missione di Maestripieri presso la sede di Bogotá è continuata nel Dipartimento del Huila, situato a sud-ovest della capitale colombiana, dove ha avuto modo di visitare sul territorio il progetto “Agricoltura e turismo sostenibile per il consolidamento della pace in Colombia – Paz Colombia” finanziato dall’AICS e implementato dall’Organizzazione internazionale italo-latinoamericana (IILA). In particolar modo, ha potuto visitare le installazioni dell’Istituto Nazionale colombiano di Formazione Primaria (SENA), importante alleato dell’Agenzia nel Paese, a Campoalegre e percorrere la Ruta Magica del Cafè, un’iniziativa che promuove il turismo comunitario sostenibile coinvolgendo una serie di fincas, aziende agricole produttrici di caffè presenti nell’area, dove ha incontrato i principali beneficiari e le associazioni di coltivatori di caffè interessate.

Huila

Huila

Nell’ottica regionale che caratterizza la nuova sede Aics di Bogotà, la missione del direttore Maestripieri, è continuata con una visita di tre giorni a Quito, dove ha avuto modo di conoscere alcune delle iniziative finanziate da AICS in Ecuador.

Taggato .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *